Evento Redken Curvaceous: Curl Power!

Per chi non conoscesse Redken vi faccio un riassunto della sua decennale storia:
Nel 1960 l’attrice americana Paula Kent ed il suo hairdresser Jheri Redding danno vita a Redken partendo da 3000 dollari e tre prodotti.
Fondati sulla scienza delle proteine e degli attivi idratanti due prodotti storici di Redken, Amino Pon e PPT, ottengono un incredibile successo.
L’innovazione Redken nello studio del capello introduce qualcosa che ora noi diamo per assodato: il pH dello shampoo dev’essere  acido per rispettare la struttura del capello…. tutto il resto è storia!

… e sempre nei laboratori Redken è nata quest’anno una linea tutta nuova ed innovativa per i capelli ricci: Curvaceous.
Insieme a tante altre blogger ricce (dichiarate e non!!) sono stata invitata ad una serata di presentazione e prova dei prodotti della linea Curvaceous e non mi vergogno di dire che ho imparato molte cose e mi sono sentita compresa come non mai, sia dal marchio e dalla sua filosofia che dall’hairstylist che mi ha seguita.

Ma cominciamo dall’inizio…
Dopo un piccolo aperitivo di benvenuto (…e che fai non fotografi i magnifici manicaretti?!!??) abbiamo assistito ad un interessantissimo racconto riguardante la storia del Brand, che personalmente ignoravo, e una panoramica delle numerose linee Redken adatte a tutte le problematiche di qualsiasi tipo di capello.



A questo punto entriamo nel vivo e parliamo in particolare di Curvaceous, la nuova linea per i capelli ricci e mossi di Redken, e delle problematiche dei capelli ricci…
Sì perchè forse non tutti sanno che i capelli ricci si comportano in maniera molto diversa rispetto ai capelli lisci. Fattori come il colore e l’umidità possono trasformare in cattiva una buona giornata…. E fin qui tutte le ricce annuiranno e saranno d’accordo… ma voi lo sapete perché i capelli ricci hanno dei bisogni così specifici?

Sono proprio assetato!
La forma del riccio impedisce agli olii naturali di penetrare e idratare ogni strato del capello, creando
un effetto disidratato. Questo effetto secco rende i capelli più esposti ai danni e alle aggressioni ambientali perché ne riduce la flessibilità.

Doppia Personalità
Non tutti i ricci sono uguali. Le persone con capelli ricci naturali hanno in media tipi diversi di capelli ricci che crescono in testa. Questo crea davvero una grande confusione nella scelta del prodotto giusto per il riccio.

Risultato finale Brillate, una chimera?
Il capello riccio naturale non è in grado di raggiungere lo stesso risultato finale brillante del capello liscio perché la luce può essere bloccata all’interno della forma a spirale del riccio.

Non disturbare.
Ricci e onde diventano crespi se eccessivamente toccati o maneggiati. Quindi scrollarli è poco consigliabile e pettinarli è un capellicidio!

Stuttura Vulnerabile
I capelli ricci sono molto delicati e vanno maneggiati con cura. A causa della forma irregolare della fibra, il capello può avere dei punti dove la cuticola è leggermente sollevata rispetto alla restante parte. In queste zone la struttura interna è più esposta e vulnerabile ai danni.
Per questo è anche assolutamente sconsigliato strofinare forte durante lo Shampoo o usare prodotti con tensioattivi troppo aggressivi (…hmm il 95% dei prodotti sul mercato!!!???)

Crespo in Agguato:
Il capello riccio naturale è incline al crespo e a non essere facilmente gestibile. La natura porosa della fibra del capello permette all’umidità di essere assorbita all’interno del capello, causando il gonfiarsi della ciocca. Questo rigonfiamento è responsabile dell’effetto crespo.

Molte di queste notizie noi ricce le conosciamo perchè lottiamo con i nostri ricci tutti i giorni ma sapere che Redken ha studiato queste cose in laboratorio per trovare una soluzione mi rincuora in qualche modo. E’ dunque tutto vero e c’è una spiegazione scientifica!
E soprattutto quei ricci super costruiti e brillantissimi che spesso si vedono in televisione proprio per le pubblicità di prodotti specifici non sono che il frutto di un bravo hairstylist e di un ferro arricciacapelli, ora ne ho le prove!

New Curvaceous è una gamma completa di prodotti formulati per permettere ai capelli ricci di esprimersi al meglio, senza trucco e senza inganno!

L’esclusivo Curl Memory Complexdi Redken e la tecnologia Interlock Protein Network™ (IPN) rafforzano, idratano e ridonano forza al riccio facilitando la gestione, il controllo del crespo e apportando brillantezza.

Il Curl memory Complex è costituito da:

  • Cristalli di Zucchero: Estratti di zucchero idratano i capelli e riattivano la loro natura riccia.
  • Olio di Moringa: Rinfresca i ricci secchi e disidradati con un booster di idratazione restituendo un riccio controllato e brillante.
  • IPN: Una dose di proteine mira le aree fragili dei ricci per apportare forza e aumentare la maneggevolezza.
  • Filtri UV:Boccoli schermati da aggressioni ambientali, ricci colorati protetti e onde anti-sbiadimento.


Shampoo balsamo e crema contengono tensioattivi molto delicati quindi sono provi di SLS e SLES. Inoltre sono privi di Siliconi e questo è un particolare molto interessante per un prodotto da Salone visto che spesso si punta molto sull’aiuto dei silliconi per tutti i tipi di capelli.
In questo caso i siliconi non aiutano ma tendono ad appesantire la struttura del riccio e quindi sono assenti dai prodotti di lavaggio. Il balsamo è talmente leggero che può essere utilizzato anche in modalità leave-in.

I siliconi invece li troviamo in alcuni dei prodotti di styiling proprio perchè grazie al loro potere filmante aiutano a proteggere i ricci dagli agenti atmosferici insieme al Curl Memory Complex, sostenendo la mia teoria che è quasi impossibile ottenere un buono styling con prodotti senza siliconi.

Ed ecco tutta la gamma Curvaceous….

 

Qui un video di presentazione della linea…

 

 

Dopo averli toccati, annusati e studiati  è arrivato il momento di provare questi prodotti sui capelli!
La mia riccissima hairstylist mi fa una serie di domande per capire le mie abitudini e cosa vorrei dai miei ricci al fine di compilare una scheda personalizzata.
Quindi sciolgo il mio chignon spettinato e passiamo al lavaggio.
Come vedete dalle foto analizzando i miei capelli siamo entrambe un po’ preoccupate dalla secchezza delle mie punte….

Ma dopo il lavaggio e lo styling le facce cambiano e tornano i sorrisi!
I ricci sono belli definiti e morbidi ma sostenuti e voluminosi.
Per lo styling sono stati utilizzati Full Swirl e Wind up per un riccio definito e a prova di umidità almeno per 3 giorni, questo infatti quanto promette Curvaceous… e devo dire che su di me la promessa è stata mantenuta senza problemi!

Una delle cose che ho imparato dalla mia hairstylist, oltre a utilizzare l’asciugacapelli alla velocità minima e al calore massimo, è stato di non asciugarli a testa in giù come viene sempre consigliato. Bisogna invece sollevarli raggruppandoli con le mani come vedete in foto.
Altro consiglio importante che già conoscevo ma che è bene ricordare è non asciugarli mai al 100%, il capello riccio ha bisogno di preservare un po’ di umidità.

 

Nelle prossime settimane scopriremo se sarò in grado di replicare il lavoro che è stato fatto su di me…
Sì perchè Redken promette alle ricciolute anche la massima autonomia nella manutenzione del taglio.
A proposito di taglio Redken ha studiato anche una tipologia di taglio del capello apposta per i ricci… il taglio Curvaceous, appunto.
Infatti tagliare i capelli ricci non è come tagliare quelli lisci…
Ecco…questo noi lo sappiamo ma spesso i parrucchieri no, vero???!!!
Ho chiesto dove potessi andare a sperimentare questo taglio e non appena mi deciderò chiaramente vi scriverò le mie impressioni!
Nel frattempo vi lascio con uni link interessante. Redken ha voluto diventare lo sponsor ufficiale di una Community di riccioluti nata su Facebook che si chiama Curly Pride.
Culry Pride insieme a Redken sta promuovendo molte iniziative contro l’egemonia del liscio come delle master class per le utenti finali dove viene insegnato il modo corretto di coccolare i nostri capelli e dei flash mob come quello di ottobre del 2012 di cui vi lascio il filmato qui.

Attenzione perchè sempre a Roma ne è in arrivo un altro!!
E voi, ricciolute là fuori, siete fiere dei vostri ricci o non li potete soffrire?
Io personalmente li adoro anche se mi fanno impazzire!
Alla prossima e… Curl power!
Disclaimer: I prodotti e la consulenza mi sono stati offerti dall’azienda che ringrazio per questa opportunità.
Nessuna condizione è stata posta per l’invito e l’omaggio dei prodotti. L’articolo  rispecchia il mio reale giudizio.

8 thoughts on “Evento Redken Curvaceous: Curl Power!”

  1. valeottantadue says:

    io li amo i ricci…ne adoro il volume e la comodità..inoltre non devo preoccuparmi dell'umidità…w i ricci. questi prodotti mi incuriosiscono. in particolare la formula con tensioattivi delicati e no siliconi. controllerò comunque gli inci. per i capelli sono intransigente..niente schifezze..bacio

  2. Vera Vanity says:

    Ciao cara! Ottimo post… I prodotti sembranno molto interessanti. Anche io ho i ricci, ma purtroppo non ancora trovato un parucchiere che capisce il taglio ;(. Meglio trovare un dentista bravo che bravo parucchiere per i capelli ricci. Buon week. Xoxo V.V.

  3. Sara fatina says:

    Sono d'accordo, spesso i parrucchieri tagliano i capelli ricci esattammente come quelli lisci, a me è capitato diverse volte col risultato che poi non riuscivo a gestirli. Di Redken avevo provato un balsamo tanto tempo fa che non mi aveva soddisfatto molto, ma trovo positivo che abbiano tolto i siliconi dalla formula di alcuni loro prodotti.

  4. Dony Cipriadiluna says:

    mi piace molto l'effetto finale sui tuoi ricci! Non avendo capelli di questo tipo sinceramente non mi ero mai posta il problema del taglio. Sono curiosa anche riguardo i prodotti, non li conoscevo ^_^

  5. sabrys says:

    che bella che sei Manu ^^ io sono della tipologia semi liscio/semi riccio che si increspa…gestirli da sola senza una piastra a portata di mano è pura utopia :/

  6. Drama&Makeup says:

    Ma che belli i tuoi ricci alla fine, mi piacciono da morire così!!

  7. Fabrizio Boccia says:

    Il balsamo è pieno di Siliconi.Con al secondo posto il paraffinium Liquidum e amodimetichone! Quindi l effetto è del tutto quasi prettamente siliconico.Esperienza diretta!

    1. Manuki says:

      Ciao Fabrizio. E' vero che c'è il paraffinum liquidum al secondo posto ma non c'è silicone a nessun livello dell'inci.
      L'effetto non è affatto siliconico e si sente… ed io di siliconi ne ho usati tanti!

I vostri commenti...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.