Poinx Experience e Cappellino da Neonato DIY

Oggi per la serie di post in collaborazione con Poinx, a.k.a. Poinx Experiencevi mostro la piccola Macchina da cucire Portatile che ho potuto provare e un piccolo progetto di Fai da te che ho realizzato proprio con questa macchina da cucire.

 

Era da un po’ di tempo che volevo provare a cucire qualcosa di semplice soprattutto cosine per la ranocchietta che stiamo aspettando… la gravidanza instaura bisogni, desideri e necessità che non ti immagineresti mai di avere!
La natura è una cosa meravigliosa ed oltre all’istinto innato di “fare il nido” (leggi “rivoluzionare la casa”) mi ha donato anche questo desiderio di creare cosine come cappellini, bavaglini, body, etc…
Non avendo una macchina da cucire mia e non avendo nemmeno lo spazio dove metterla avrei dovuto utilizzare quella di mia mamma. Così quando ho visto questa piccola macchina portatile su Poinx ho pensato che potesse valer la pena provare per realizzare queste piccole cose e che se poi mi fosse piaciuto magari mi sarei evoluta.

Comprare dal sito di Poinx è semplice, ve ne ho già parlato in altri post. Il pagamento con Paypal rende tutto sicuro e veloce.
La spedizione della macchina da cucire è stata abbastanza puntuale secondo le tempistuche indicate sul deal.

In foto vedete come si presenta la macchina da cucire.
E’ dotata di pedale ed alimentatore. Inoltre in dotazione si trovano 3 rocchetti di ricambio, un ago di ricambio ed un infila aghi.
Il manuale è breve e solo in inglese. Grande pecca perchè anche io che me la cavo bene con l’inglese ho fatto un po’ fatica ad individuare i termini “da cucito” e capire a cosa si riferissero le varie istruzioni.

Una cosa che non mi è piaciuta molto è che il pezzetto di stoffa di prova, che da una parte apprezzo perchè denota che la macchina è stata quanto meno testata, era ammuffito e puzzava pure un po’.
Dopo aver fatto le foto l’ho tolto subito e pulito la macchina.

Alla fine per semplicità mi sono rivolta alla mia mamma, che mi ha aiutato a settare e provare la macchina nella sua funzionalità. Devo dire che anche con lei abbiamo avuto qualche difficoltà soprattutto nella tensione del filo. Infatti qui sotto vedete una delle prime prove nella quale il filo della bobina si è rotto per la troppa tensione e la macchina non ha cucito.

 

Dopo vari tentativi siamo riuscite a farla funzionare su questa stoffa di prova, utilizzando anche un filo più grosso di quello scelto inizialmente per evitare la rottura.
Qui sotto vedete il primo righetto e il retro della stoffa dal quale si può capire se il filo è tirato a sufficienza. Se i punti sono lassi come nella parte a destra della foto allora il filo è troppo morbido. Nella parte a sinistra invece vedete che è tutto più tirato ed è così che deve apparire quando il filo è teso correttamente.
Nella foto si vede anche l’utilissima luce per illuminare la zona lavoro.
Quando la macchina è in funzione la luce si abbassa notevolmente però almeno è utile quando bisogna infilare il filo nell’ago e nei vari passaggi.

Le mie impressioni:
In sostanza la piccola macchina da cucire è utile a fare piccoli lavori e piccole riparazioni. (tutto in proporzione insomma!)
Fa un solo punto, il righetto, quindi non è utile per attaccare bottoni o fare altri punti più elaborati. Non l’ho testata con stoffe più impegnative come il jeans ma data la struttura un po’ plasticosa non credo ed il piccolo motore non sono sicura della riuscita.
Credo sia adatta a chi sa già destreggiarsi con la macchina da cucire ma vuole qualcosa di piccolo e maneggevole per i lavoretti o per uno spazio limitato come una seconda casa o una casa mini come la nostra.
Io la ripongo comodamente in un cassetto con le stoffe e i fili, invece di doverle trovare posto in un armadio come dovrei fare con una macchina da cucire standard.
Non la consiglio ai principianti (a meno che non abbiano anche un tutor esperto come la mia mamma!) a causa delle istruzioni in inglese e un po’ povere di dettagli.

Progetto DIY: Cappellino da Neonato con nodo
Ora vi mostro anche il mio primo e semplicissimo lavoretto di cucito. Un cappellino con il nodo per la nostra Ranocchietta. Realizzato con un mio pigiama, messo pochissimo per via dei fastidiosi pizzetti che lo contornavano e che non mi facevano dormire!
Il cotone elastico, sebbene di un colore che può non piacere, era comunque morbidissimo e mi sembrava adatto a questo esperimento.
Ho trovato tre cartamodelli completo su blog di Zaaberry per realizzare tre diversi tipi di cappellini per bambini.
Io ho semplificato ulteriormente sfruttando il bordo già cucito del pigiama e quindi non ho dovuto fare il bordino a fascia come descritto nel post.
Ho quindi dovuto solo tagliare la stoffa seguendo il cartamodello che ho stampato ed eseguire la cucitura perimetrale, ovviamente  dall’interno. Risvoltando il cappellino cucito il gioco è fatto. Basta fare il nodino alla parte sporgente ed eventualmente decorarlo con qualcosa.
Io ho attaccato i bottoni sempre provenienti dal pigiama e ho in programma di ricamare un’iniziale.

C’è voluto davvero poco tempo e questo per una persona poco paziente (anche se amante del fai da te) è importante. Vedere il risultato in breve tempo almeno nei primi esperimenti per me è essenziale se no mi innervosisco e lascio perdere…
Sono davvero soddisfatta e sicuramente proverò anche con gli altri modelli e poi passerò ai bavaglini!
Su internet si trovano tanti tutorial e cartamodelli ma se siete curiose vi posterò i miei progressi!!
Ecco i tre modelli presentati sul blog di Zaaberry. Non sono bellissimi??
 
Come vi sembra il mio risultato?
E la piccola macchina da cucire?
Voi siete esperte?
Vi piacerebbe provare?

Fatemi sapere!
Alla prossima e buon lunedì!

2 thoughts on “Poinx Experience e Cappellino da Neonato DIY”

  1. Ali Ce says:

    io non sono brava con la macchina da cucina ma per fortuna c'è la mia mamma che è brava.
    Mi dispiace però non saperla usare perchè la mia nonna di professione faceva la sarta
    Bellissimo il cappellino che hai fatto! Tra quelli di Zaaberry mi piace moltissimo quello verde! tenerissimo!

    1. Manuki says:

      Le mamme hanno una marcia in più per queste cose! Io ora sto imparando un pochino e devo dire che fare queste piccole cose è divertente!
      Grazie!!

I vostri commenti...