Routine Capelli: Come curo i miei ricci – Estate 2017

Oggi vi racconto la mia routine capelli, visto che da qualche tempo sono tornati alla normalità!
Dopo la gravidanza, infatti, nel periodo in cui la tiroide ha cominciato a dare i numeri e durante l’allattamento, i miei capelli hanno perso tono, hanno proprio perso il riccio direi.  Era già capitato ma la cosa mi ha intristito lo stesso. Ho sperato che con il normalizzarsi degli ormoni e qualche cura in più potessero tornare come prima e per fortuna tutto è tornato alla normalità. Nel frattempo ho standardizzato un po’ di più la mia routine capelli escludendo categoricamente i siliconi dai detergenti e dai balsami.

I miei capelli sono ricci ma sottili e non crespi quindi hanno bisogno di quel giusto mix di idratazione e leggerezza, ma anche di definizione.

Lavaggio

Come regola della mia Routine Capelli, cerco sempre non effettuare lavaggi frequenti. Essendo i miei capelli prevalentemente secchi riesco a lavarli ogni 3/4 giorni senza grosse conseguenze.
In questo periodo sto utilizzando con molta soddisfazione Lo Shampoo della Linea Argan di Equilibra*. Mi piace per la sua schiuma morbida e il suo potere idratante. Quando i ricci sono particolarmente secchi o semplicemente ho bisogno di una mano in più a districarli, utilizzo il balsamo della stessa linea e li pettino con la mia adorata Tangle Teezer Detangling Hairbrush

Quando erano lunghi li pettinavo anche da asciutti con la stessa spazzola ma ora che sono corti posso saltare tranquillamente questo passaggio.

Routine Capelli: Linea Aragan Efficiacia Naturale EquilibraImpacco idratante

Una volta al mese faccio il mio solito impacco con olio di Monoi o olio di argan. Lo tengo in testa qualche ora o anche tutta la notte e poi lavo i capelli come descritto sopra.

Styling

Per lo styling invece continuo ad affidarmi ai siliconi. E continuo ad affidarmi a lui: Full Swirl della linea Redken Curvaceous. Finora solo questo prodotto è stato in grado di protegge i miei ricci dal clima secco e da quello troppo umido, mantenendo il riccio definito.
…e tutto senza appesantirli troppo! Un mezzo miracolo!

Asciugatura

Ora che è tornato il caldo (quando ho il tempo) uso ancora la cara tecnica del plopping, utilizzando al posto dell’aloe il Full Swirl
Da quando ho trovato l’asciugacapelli giusto per il mio tipo di capello però questa tecnica la uso di meno. Trovare la temperatura giusta per asciugare il riccio non è facile. Troppo caldo rischia di togliere l’umidità necessaria a tenere la forma e seccare ulteriormente i capelli. Spesso però tenere una temperatura bassa significa metterci tanto tempo e non è sempre fattibile. Devo dire che con l’Asciugacapelli Panasonic EH-NA65* questo problema l’ho risolto egregiamente.

Routine Capelli: Asciugacapelli Panasonic Nanoe

Tra un lavaggio e l’altro non devo fare quasi nulla se non ravvivare i ricci con uno spruzzino pieno di acqua e magari un po’ di Full Swirl. Un’altra cosa che faccio ogni tanto è usare un po’ di lacca se voglio più volume.
Al momento sto usando con una certa soddisfazione la lacca Testanera Palette Invisible*.
Per il resto con questo taglio basta una scrollata con le mani e sono a posto.

Routine Capelli: Styling con Full Swirl Curcaceous redken

Qual è la vostra routine capelli del momento?
Come curate le vostre chiome?

Ricce all’ascolto, avete consigli?
Qui si sperimenta volentieri!

Alla prossima!
*I prodotti segnati nel post con l'asterisco mi sono stati inviati a scopo valutativo.

 

3 thoughts on “Routine Capelli: Come curo i miei ricci – Estate 2017”

  1. Lady V says:

    Anche a me i capelli hanno iniziato ad imparare con i primi problemi di tiroide. Avevo dei boccoli meravigliosi e mi sono ritrovata con i capelli LISCI a dover fare la permanente ç__ç
    Dopo svariato tempo sono riuscita a riacquistare il riccio naturale, ma non è più lo stesso di prima. Ho provato ad escludere i siliconi, ma nel mio caso era peggio.
    Come shampoo e balsami non ho particolari preferenze, come maschere mi piacciono molto quelle dell’Omia e Alkemilla, almeno una volta a settimana.
    Per lo styling uso con soddisfazione i prodotti Adorn o il Tigi Curls rock amplifier.
    Capelli asciugati rigorosamente col diffusore a testa in giù!

    1. Manuki says:

      Mi dispiace per i tuoi ricci. Non ti nascondo che sono sollevata dal fatto di non essere l’unica… Quando racconto questa cosa mi sento sempre una mezza visionaria, nessuno sembra prendermi sul serio. Mi hai incuriosita con il Tigi Curls rock amplifier anche se con i loro prodotti di solito mi ritrovavo il riccio piuttosto secco. Proverò!
      Ma sai che tempo fa a un evento Redken Curvaceous, mi dissero che è un mito quello di asciugarli a testa in giù per dare volume? Mi hanno detto che è meglio dare volume alzando la radice con le mani e asciugando mentre lavori i capelli come “impastandoli” alla radice. Non so se mi sono spiegata.
      Devo dire che con i capelli medi e corti questa cosa mi ha dato dei buoni risultati. Magari aggiorno anche il post con questo consiglio che mi era sfuggito!
      Grazie di essere passata!

      1. Lady V says:

        Guarda, io ho visto il fior fiore degli endocrinologi e tutti mi hanno derisa, salvo poi ricredersi quando magicamente dopo aver tolto la tiroide e aver ripristinato il giusto equilibrio ormonale i miei capelli sono tornati quasi normali!
        Il Tigi a me lascia i ricci belli definiti ma assolutamente non rigidi, l’importante è azzeccare la quantità giusta e metterlo, almeno nel mio caso, con i capelli belli umidicci in modo che si impregnino bene di prodotto.
        Devo dire che io la differenza quando non li asciugo a testa in giù la noto, in ogni caso bado sempre anche durante l’asciugatura a impastarli e pastrugnarli a dovere XD
        Tu mi hai incuriosita col plopping invece, ho visto qualche video e oggi stesso lo provo!

I vostri commenti...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.