Poinx Experience: Ricostruzione Unghie al Salon de Beautè, un’esperienza da non ripetere.

Eccomi arrivata agli sgoccioli della mia Poinx Experience.
Vorrei davvero riuscire a pubblicare anche un ultimo articolo su un Centro estetico dove ho fatto un trattamento all’acido ialuronico e collagene  per il  viso e nel quale mi sono trovata molto bene ma  sento il bisogno di parlarvi prima di questa esperienza.

Credo infatti sia proprio mio dovere sconsigliarvi questo servizio. Il deal corrispondente lo trovate a questo link ed è terminato ma credo di dover raccontare la mia esperienza perchè come me magari qualcuna si può trovare in una simile situazione e ritengo ci sia  bisogno di dire che non è giusto.

Il Buono Poinx era per una ricostruzione unghie presso lo Charme Salon de Beautè in corso Buenos Aires 23 a Milano.
Premetto che non sono certo un’onicotecnica quindi non sono in grado di giudicare troppo professionalmente l’operato altrui ma devo ammettere però che non sono nemmeno una novellina della ricostruzione, ve ne avevo già parlato in questo articolo riguardante Roby Nails.

Considerate che questo articolo lo scrivo di getto e con enfasi quindi abbiate pazienza se mi perdo nella punteggiatura, nella consecutio temporum o commetto errori di battitura…

Dopo l’acquisto del Buono chiamo per prendere appuntamento negli orari indicati, ma riesco ad avere risposta solo dopo le 13.
Prendo un appuntamento per martedì 22 gennaio alle 14.30 ma mi viene annullato il sabato precedente con messaggio in segreteria e la richiesta di richiamare per prima cosa il martedì mattina poichè il lunedì il centro è chiuso.
Martedì comincio a chiamare dalle 10 ma non ricevo risposta fino alle 13,30. La persona che mi risponde mi dice che l’onicotecnica se n’è andata e la titolare voleva parlarmi di come procedere  e stabilire un nuovo appuntamento.
Vengo richiamata dalla titolare nel pomeriggio che mi spiega che l’onicotecnica ha dei problemi e vorrebbe prendere un nuovo appuntamento raggruppando in uno stesso giorno variie ricostruzioni. Prendo appuntamento per martedì 29 alle 16.45. Chiedo se c’è la possibilità di andare prima ma mi dicono che c’è un trattamento con gel semipermanente e non posso.
Considerando che alle 18,30 ho il corso di danza penso che magari arriverò un po’ in ritardo, fa niente.

Ieri, martedì 29, mi presento lì alle 16,30 sperando che si possa cominciare prima e la prima cosa che mi dice la persona che mi accoglie senza presentarsi è che sono in ritardo….

Le spiego che mi era stato detto (probabilmente da lei perchè riconosco l’accento straniero) che l’appuntamento era alle “17 meno un quarto” e che io avevo chiesto anche di  poter arrivare prima ma mi era stato detto che non era possibile….
Lei guarda un po’ l’agenda e poi mi dice che possiamo farlo lo stesso.

La seconda cosa che mi dice è che il deal prevede solo la ricostruzione senza colore o french che ha un costo di 20 euro in più e che “quelli di Poinx lo sanno”… e io penso “ok, ma io no… a cosa mi serve che lo sappiano loro se non è specificato nel deal?”
Questa cosa mi va un po’ per traverso ma penso che voglio documentare tutto e non voglio spendere di più di quello che valeva il coupon, così le dico che non importa.

Ci sediamo al tavolo e la terza cosa che dice, guardandomi le unghie, è che sono molto deboli e che deve usare le tip. Io ho fatto parecchie volte sia la ricostruzione con le tip che con la cartina e la questione è solo la lunghezza,  ma di questo non sono sicura al 100% quindi non dico nulla.

Tra l’altro mi dice che secondo lei per le unghie così sottili e molli è meglio il gel semipermanente. Come sapete ho avuto qualche esperienza del gel semipermanente e mi è stato detto dalle onicotecniche di Roby Nails che sulle unghie molli o con altri problemi dura decisamente meno.
Va be’..

Comincia a prepararmi l’unghia e comincia ad incollare le tip.
Nel frattempo poi cerca di vendermi un pacchetto di 3 o 6 refill... e io penso”va be’, vediamo come va questa cosa prima perchè non è cominciata proprio al meglio” e le dico che sicuramente ci penserò.

Le tip non si incollano e lei continua a limare via la colla e cercare di incollare di nuovo… Alla fine mi fa male limando vigorosamente e dice che è colpa delle mie unghie che sono troppo deboli.
Mi permetto di dire, sempre gentilmente, che forse lasciare la polvere della limatura poteva impedire alla colla di fare presa…  non l’avessi mai fatto!
Hmmm…

Alla quinta prova di incollaggio tip comincia a dire che non le è mai successo una cosa simile e che non è possibile…
Provo allora a sdrammatizzare dicendo che forse la colla non va d’accordo con la mia unghia e lei continua a sostenere che non è possibile e che “è colpa delle mie unghie”.

Comincio ad innervosirmi…

Dopo circa 4/5 tentativi per dito riesce ad incollare le tip della mano destra. Si arrende sul pollice dove decide che mi farà la ricostruzione con la cartina.
Dopo averle incollate lima lo scalino che la tip inevitabilmente crea, mi fa di nuovo male e non si lascia scappare l’occasione di dire che è colpa delle mie unghie, naturalmente.

Quindi si passa al gel… Ora, come dicevo io non sono un’onicotecnica ma ho visto svariate ricostruzioni e se c’è una cosa che so è che il gel NON va applicato sopra o nelle immediate vicinanze delle cuticole…. ma qui questa attenzione non la vedo e il gel tocca tutte le cuticole che non erano nemmeno state spinte indietro all’inizio del trattamento.
Questo vuole dire che inmeno di 24 ore il gel comincerà a staccarsi dall’unghia (come già sta avvenendo…)
La ricostruzione con la cartina non va meglio: l’unghia viene piuttosto male, tutta storta e larga, sembra una paletta.
Non viene creata nessuna bombatura di rinforzo sull’unghia che risulta quindi piatta. La fase della bombatura di rinforzo non la fanno tutti ma dalla mia esperienza i lavori che sono stati eseguiti meglio e sono durati di più sulla mia unghia corta e molle sono stati quelle con la bombatura.
Tra l’altro l’applicazione del gel non è stata affatto fatta in maniera uniforme sull’unghia ed in alcuni punti ci sono peletti attaccati e bollicine.

 

Comincia a prepararmi la mano sinistra mentre la destra finisce sotto la lampada e mi mette le cartine su due delle dita perchè ha deciso che con le tip non ce la facevamo (a causa delle mie unghie, chiaramente!).
Dopo di ché inizia a lamentarsi che nemmeno le cartine si attaccano….  e io penso “ci manca solo che anche questa sia colpa mia”.
Quando le toglie e dice che vuole procedere con le tip io la fermo e le dico che non avremmo finito in tempo.
Erano le 18.

Lei dice che sono pessimista e io le faccio notare che ci aveva messo molto a mettere le tip e non era semplicemente possibile che ce la facessimo in mezz’ora. Lei la prende sul personale e ribatte che non è lei che ci ha messo tanto tempo, che non è colpa sua, che non le è mai successo e che la colpa è delle mie unghie…. come se non l’avessi già capito!

L’unica cosa che mi esce dalla bocca in quel momento di nervoso in cui però ho voluto mantenere la calma è “Nemmeno a me è mai successo ed anche se fosse non è certo colpa mia, ci sono nata con queste unghie, cosa ci posso fare!?”
La risposta è una risatina… non ho capito se di imbarazzo o scherno…

Dopodiché prendo la decisione di andarmene… Sì, esatto, con un mano fatta e una no!

Sempre con molta gentilezza le dico che dovevo andare via e, nonostante le sue insistenze non rimango. Continuo a sorridere e ad essere gentile anche quando mi dice che non si può pretendere di eseguire una ricostruzione in un’ora sola…. vi ricordo che sono arrivata alle 16,30 ed erano ormai le 18.10 ed avevo una sola mano fatta……
Devo aggiungere altro?

Lei mi offre la possibilità di tornare e finire in un altro giorno… e io tra me e me penso che stia scherzando… Ma non mi hai detto fino ad ora che è impossibile lavorare sulle mie unghie? Che senso ha?… comunque le dico che in caso decida di tornare avrei chiamato…. ovviamente già sapevo che non l’avrei fatto!

In tutto questo, mentre mi faceva le unghie io continuavo a fissare un diplomino di un corso per ricostruzione unghie con gel con data 28.01.2013 (il giorno prima della seduta) e con un nome straniero scritto sopra.
Questo, sommato al fatto che il primo appuntamento fosse stato cancellato e che la prima persona con cui ho parlato mi avesse detto che l’onicotecnica se n’era andata mi fanno sorgere qualche dubbio….
Non posso essere sicura fosse lei perchè non si è presentata, ma se così fosse c’erano mille altri modi per non farmi andare per traverso il fatto che mi stesse usando come prima cavia… Bastava essere onesti sull’accaduto.
Se invece, come ha detto più volte, “questo è il suo lavoro” allora c’è definitivamente qualcosa che non quadra, compreso il fatto che è stata nervosa per tutta la seduta nonchè disorganizzata sulla postazone con gli attrezzi e i gel.

Ma la cosa che mi fa più rabbia è che mi si attribuisca la colpa per qualcosa di cui non ho colpa. Forse io la prendo troppo sul personale, ma il detto che “il cliente è sacro ed ha sempre ragione” non vale più?
Puoi anche essere l’onicotecnica più talentuosa del mondo ma se dai la colpa a una cliente per me sei OUT.
In questo caso ho ricevuto sia il danno che la beffa.

Ora ho una mano con una ricostruzione approssimativa, con tip che dovrò togliere perchè lo spazio rimasto tra tip e l’unghia può diventare facilmente terreno di  infezioni. Tra l’altro probabilmente dovrò pagare qualcuno per farlo perchè da sola non son credo di essere in grado.

In tutto questo non voglio calunniare nessuno. Questa è la mia versione dei fatti, la mia opinione personale perchè comunque a prezzo pieno questa ricostruzione unghie costa 100 Euro e a mio parere non li vale affatto.
Oltretutto il modo in cui questa persona si è rapportata con me non è professionale, sempre  a mio avviso.
In conclusione non sono contenta del servizio che fanno in questo Salone e non lo consiglierei a nessuno.

Voglio sottolineare che Poinx non ha diretta responsabilità dell’accaduto e che il coupon è stato accettato senza problematiche. Mi sono comunque lamentata per lo scarso dettaglio del deal in questione visto che non era specificato che il colore era a parte.
Un’altra cosa che consiglio a Poinx è lasciare la possibilità che dalla sezione “I miei Affari” di possa risalire all’url del Deal oltre che fornire il link al Coupon, per controllare i dettagli dell’offerta anche se scaduta.
Chiaramente anche loro dovrebbero aver a cuore la qualità dei servizi che propongono nella loro vetrina e questo non so se avvenga.


Visto che a Milano ci sono parecchi deal di ricostruzione unghie magari approfitterò di uno per mettere a posto questo lavoro che non mi piace per nulla.

EDIT 01.02.2013: dopo due giorni ho alcune delle dita della mano senza gel che mi fanno ancora male dopo la limatura selvaggia ho limato le unghie ricostruite in modo da renderle corte perchè una delle tip è saltata via mentre inserivo i piatti nella lavastoviglie. Per fortuna l’unghia sotto non s’è rotta in malo modo ma sicuramente ha ricevuto un trauma, mi fa male come se l’avessi chiusa in una portiera. Il Gel che è stato posizionato praticamente sulle cuticole si sta staccando e alzando come previsto.
Poinx mi ha detto che quei deal sono stati ritirati il 24 gennaio.
E allora perchè io che ho acquistato il buono a dicembre non sono stata avvertita?
Attendo risposta….

Spero di riuscire anche a scrivere,tra oggi e domani l’ultima esperienza fatta. Avrei voluto fare un articolo per raccontarle entrambe ma questa da sola meritava attenzione.

Voi avete avuto esperienze di ricostruzioni che non vi sono piaciute? O con persone che non vi sono piaciute? Come vi siete comportate?

Fatemi sapere!

Alla prossima!

 

36 pensieri su “Poinx Experience: Ricostruzione Unghie al Salon de Beautè, un’esperienza da non ripetere.”

I vostri commenti...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.