Appunti di Spignatto: Senza MaiSenza….

E’ davvero molto tempo che non mi faccio tentare da qualche prodotto di detergenza Lush.
L’ultimo è stato il cubotto Hammam e potete leggere qui le mie impressioni.

Per quanto mi riguarda Lush ha fatto centro con la collezione Emotional Brilliance di cui vi avevo parlato in questi articoli, ma altrimenti per le altre cose una volta che leggo l’INCI mi sento un po’ presa in giro dal prezzo.
Innegabile però il fatto che le profumazioni siano meravigliose e le botteghe deliziose!

Tantissime Blogger e Youtuber  hanno adorato il famosissimo Maisenza ed incuriosita sono andata a leggerne l’INCI.
Eccolo qui:
Amido di Mais (Zea mays), Glicerina Vegetale (Glycerine), Talco (Talc), Acqua (Aqua), Olio Essenziale di Mais (Zea mays), Polenta (Zea mays), Polvere di Cannella (Cinnamomum zeylanicum), Profumo (Parfum), Estratto di Gardenia (Gardenia jasminoides), Popcorn (Zea mays).

Tra l’altro sembra che la pagina internet del prodotto non si apra e sul sito italiano non lo trovo più…  Siamo davvero senza!?
Edit: Mi dicono dalla regia che era un prodotto natalizio, almeno qui in Italia. (Grazie a Sara Fatina e MaRa!)… quindi siamo Senza MaiSenza! ^.^

A parte l’olio essenziale di Mais e l’estratto di Gardenia che non avevo e la profumazione che non è specificata devo dire che non è affatto difficile replicarlo con le quattro cose che abbiamo in dispensa.


Ho messo in fila gli ingredienti ed ho cercato di rispettarne l’ordine: i primi ingredienti dell’INCI sono quelli la cui presenza nel prodotto è maggiore ed ho fatto un tentativo con questa ricetta:
Amido di mais 60gr
Glicerina 40gr
Talco 10gr
Acqua 15gr
Argilla Bianca 10gr
Polenta (quella più sottile che trovate) 5gr
Polvere di Cannella 1gr
Olio Essenziale di Cannella 2gt
Fragranza Mirtillo Dragonspice (Opz.) 3gt
Pop Corn q.b.

 

Non somma a 100 come nei migliori spignatti ma viene una pasta abbastanza soda.

Ho mescolato l’acqua e la glicerina e poi incorporato tutti gli altri ingredienti poco alla volta per raggiungere la consistenza.
I pop corn li ho messi solo di decorazione.
Mi raccomando non esagerate mai con cannella ed olio essenziale di cannella perchè sono irritanti per la pelle.

Mi raccomando anche di pulire accuratamente tutti gli attrezzi ed i contenitori utilizzati prima e dopo l’utilizzo.
Qui  trovate qualche consiglio

Pulizia dei contenitori riciclati e degli utensili per lo spignatto

 


Appunti post spignatto:
A posteriori non userei la polenta perchè fa uno scrub piuttosto aggressivo, a meno di non utilizzare quella macinata più fine, la “Fioretto” che però non avevo. Magari potrei optare per la semola di grano duro (anche se si perde un po’ il fil rouge del Mais).
Per il resto questo detergente è davvero delicato e lascia la pelle morbida e compatta.
Edit 15/05/2013:
Senza conservante dura al massimo un mesetto e dipende dalle condizioni di umidità del bagno.
Se ne volete spignattare di più consiglio di inserire qualche goccia di conservante (cosgard, per esempio)

A chi non lo sa può sembrare strano ma le farine e le argille sono effettivamente degli ottimi detergenti e sono molto delicati sulle pelli più reattive che magari non sopportano i tensioattivi o schiumogeni.

Se avete voglia di dare un’occhiata potete trovare altre ricettine con le farine su questo libro pdf di libera circolazione “Cosmesi Naturale Pratica” edito da Stampa Alternativa e scritto da Francesca Marotta.
In questo libro ci sono degli spignatti davvero basici come detergenti con le farine, maschere e qualche cold cream, ma si possono trovare degli spunti interessanti.

Voi avete provato il vero MaiSenza?
Come vi sembra il mio esperimento?
Somiglia all’originale almeno visivamente?

Buona Pasqua a tutti!

46 pensieri su “Appunti di Spignatto: Senza MaiSenza….”

I vostri commenti...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.